La Fangobalneoterapia

L’applicazione di fangomaturato in continuo contatto con l’acqua ipertermale salso-bicarbonato-fluorurata delle terme di Fordongianus, rappresenta un valido supporto alla prevenzione di infiammazioni artro-reumatiche e aiuta a riconquistare il benessere psicofisico e a migliorare la qualità della vita, grazie a un’azione antidolorifica di lunga durata.

Il fango termale consiste in un’amalgama di argilla e acqua termale, la cui commistione, attraverso un complesso processo di maturazione di almeno 6 o 7 mesi all’interno di apposite fangaie e a una costante esposizione solarearricchisce l’argilla di microalghe, principalmente diatomee e cianoficee, che producono sostanze glicolipidiche dall’elevata attività antinfiammatoria e analgesica.

La fangobalneoterapia, capace di indurre il rilascio di betaendorfine, sostanze ormonali ad azione antidolorifica, è particolarmente efficace nella prevenzione e la cura delle patologie dell’apparato scheletrico e di tutti i fenomeni di degenerazione cellulare e di invecchiamento dell’organismo. È molto indicata nel trattamento di malattie reumatiche e artritiche, di cui risolve velocemente i sintomi, generando una condizione di benessere che persiste per molti mesi, e stimola la produzione di sostanza ormonali capaci di svolgere un’azione curativa locale su fratture e lussazioni; essa, inoltre, si distingue da altre terapie per l’assenza di effetti collaterali anche dopo ripetuti trattamenti.

La somministrazione della cura

Dopo la visita medica preliminare di accettazione ha inizio la cura vera e propria.

Il fango termale, già pronto sul lettino a una temperatura che varia tra i 40 °C e i 42 °C, viene applicato gradualmente sulla cute, nelle zone del corpo indicate sulla cartella clinica redatta dal medico dello stabilimento, sulle quali vengono poi posti un lenzuolino in cartene e una coperta. Dopo l’applicazione, il fango viene lasciato in posa per circa 15 - 20 minuti. Trascorso il tempo della fangatura, l’operatore accompagna il paziente alla doccia calda di annettamento e lo aiuta a rimuovere il fango rimasto sulla pelle. 
Segue il bagno termale, arricchito di ozono, per i suoi effetti benefici e stimolanti sulla circolazione sanguigna, in apposite vasche e a una temperatura di 37 – 38 gradi centigradi per una durata di 8 – 9 minuti. 
Il paziente viene successivamente accompagnato al lettino, dove riposa per circa 10 minuti, coperto al fine di facilitare la reazione sudorale.
Dopo la reazione è consigliato un massaggio, utile per riattivare la circolazione sanguigna, per ottenere un effetto tonificante sulla muscolatura e per favorire l’eliminazione di eventuali liquidi in eccesso. 

La fango balneoterapia è utile per la cura e la prevenzione delle seguenti patologie:
  • osteoartrosi ed altre patologie di tipo degenerativo quali artrosi, poliartrosi, osteoartrosi, artrosi diffuse, spondiloartrosi, spondilolistesi, artrosi agli arti, artrite, artrite psoriasica, artrite reumatoide in fase di quiescenza, osteoporosi, cervicoartrosi, lomboartrosi, sciatalgie, discopatia senza erniazione e senza sintomatologia da irritazione o da compressione nervosa, esiti di interventi per ernia discale, esiti di reumatismo articolare, periartriti scapolo-omerali non in fase acuta, cervicalgie di origine reumatica;
  • patologie reumatiche di tipo infiammatorio (in fase non acuta) e reumatismi extra-articolari quali periartrite, spondilite anchilopoietica e anchilosante, borsiti, reumatismi dismetabolici ed infiammatori non in fase acuta, fibromisiti, fibrositi, fibromialgia, fibrosi di origine reumatica, tendiniti di origine reumatica, lombalgie, lombalgie di origine reumatica, mialgie e miositi;
  • alcuni quadri post-traumatici quali ipotrofie muscolari, rigidità muscolari;
  • in previsione di interventi chirurgici: artroplastica, per tonificare la muscolatura e migliorare la vascolarizzazione.

 

Politica di cancellazione degli appuntamenti

Una vacanza in un giorno

Scappa dalla routine

Trattamenti di coppia

Un giorno dedicato al benessere

Le terme in un giorno

Romantic day